logo
carte-di-credito

Il grande successo delle carte di credito revolving

Le carte di credito revolving stanno avendo un discreto successo in questi anni, ma la loro nascita risale ben al 1958 quando con la nascita di Bankamericard.

Si tratta di normali carte di credito che offrono la possibilità di disporre di un fido da spendere e rimborsare in maniera flessibile a seconda delle proprie necessità.


Una carta revolving presenta numerosi vantaggi:

  • distribuire la spesa, o le spese sostenute, in comode rate mensili
  • possibilità di disporre sempre di denaro liquido
  • addebito al mese successivo, della spesa sostenuta
  • estrema facilità e velocità d'uso
  • principale strumento per gli acquisti on-line


Oltre alla restituzione del denaro è previsto un tasso di interesse per il prestito usufruito.


Gli elementi da considerare prima di sottoscrivere una carta di credito revolving sono:
il TAN, il TAEG e le spese.

Il TAN, tasso annuo nominale, rappresenta l'interesse da corrispondere annualmente all'istituto che ha emesso il credito.

Il TAEG rappresenta il tasso di interesse diluito per ogni singola rata e offre un punto di vista più chiaro, rispetto al TAN, sull'effettivo interesse da restituire.

Le spese sono i costi che si devono sostenere per la ricezione degli estratti conto, le tasse di apertura chiusura pratiche ecc.

L'utilizzo di una carta revolving è funzionale quando si acquistano beni durevoli nel tempo come lavatrici o grandi elettrodomestici, arredamento in quanto permettono di estinguere il pagamento in poche rate.